Translate

martedì 21 febbraio 2017

Recensione: "Dov'è Alice?" - Stefania Siano


Editore Lettere Animate
Pagine 124
Prezzo cartaceo 9,99 EURO
Prezzo ebook 1,49 EURO
Anno prima edizione 2015
Genere Fantasy

Arianna vive a Città dei Sogni e adora sua sorella
Alice, una bambola di porcellana capace di parlare e pensare come un essere umano che suo padre ha costruito per lei quando era ancora una bambina. Un giorno Alice scompare misteriosamente, suo padre non le dà alcuna spiegazione e non sembra interessato a cercare la sua sorellina, ma Arianna non si dà per vinta: assieme ai suoi amici Lea e Leo e al suo pupazzo di infanzia il Signor Bianconiglio, decide di partire alla ricerca di Alice; per farlo dovrà attraversare il caos di Paese Sogni d’Oro, il grigiore di Periferia Dormiveglia, la Discarica dei Ricordi e il Distretto Risveglio. Arianna dovrà capire da sola qual è la strada giusta da seguire: dare retta al Dottor Z, un individuo mascherato, vestito da prestigiatore che cammina sui trampoli e che sembra sapere tutto di lei o fidarsi dei consigli del Signor Bianconiglio? Arianna non lo sa, ma l’unica cosa che può salvarla è trovare una risposta alla domanda: “dov’è Alice?”.

Arianna è una bambina di tre anni molto introversa e timida, le piace giocare da sola, con il suo Bianconiglio di pezza e tende ad evitare gli altri bambini.
Il padre è preoccupato per questo suo comportamento asociale e un giorno le chiede se le piacerebbe avere una sorellina.
Arianna ne è entusiasta ma alla fine ciò che ottiene è solo una bambola, di nome Alice.
Il giocattolo è stato costruito da suo padre, un artigiano esperto, ed è in possesso di caratteristiche straordinarie. Ha pensieri propri e sogna di conoscere il mondo.
Passano gli anni, Arianna cresce, ha tredici anni ora e vive nella Città dei Sogni, una grande metropoli affascinante.
Il padre è un costruttore di bambole, è il proprietario di una famosa e prospera azienda, e il suo più
Photo by Rosana Raven
grande successo è proprio la bambola "Alice", nessun bambino va in giro senza.
Sono bambole speciali, infatti, ricordano vagamente gli automi, portano i bambini in giro, e alcune cucinano anche,
Arianna frequenta la scuola media Rose, il cui simbolo è appunto una rosa. Si trova al secondo piano della Città dei sogni, dove sono ubicati anche gli uffici. Ci si arriva mediante una scala mobile a chiocciola e per le strade ci si muove con il Tartabus, una tartaruga gigante da terra che sulla schiena ha dei sedili per i passeggeri, o con il Leprobus, mezzo di trasporto molto più veloce ma a pagamento.
Arianna ha due amici del cuore, Leo e Lea, due gemelli della sua età che conoscono i suoi più reconditi segreti e dubbi. Perchè Alice è scomparsa? Dove è finita? Perchè i genitori non la cercano?
Le cose si fanno più interessanti quando in città arriva il Circo Carosello e lì Alice incontra uno strambo personaggio che riesce a metterla sulla strada giusta per la ricerca della sorella.
E' il Dottor Z che nella sua mente ospita un coinquilino, il Dottor A che farà in modo che la nostra Arianna ritrovi il suo coniglietto di peluche e che questi la guidi verso ricordi ormai dimenticati.
Un libro fantasiosamente folle, un sogno senza regole, un testo dove non esiste possibile o impossibile, dove gli unici limiti sono quelli di una mente umana.
La Città dei Sogni è un luogo estremamente suggestivo, non solo per la sua mappatura e gli edifici, ma anche per i mezzi di trasporto e la moneta.
Infatti, in questa città, ci sono vari metodi di pagamento. Dalla moneta di sole ai fiocchi di neve, che devono essere contenuti in speciali buste per evitare che si sciolgano e perdano il loro valore. Questi sono contenuti nel sole, un posto dove le persone portano i loro risparmi.
Ci sono però altri modi con cui pagare, con lo zucchero oppure con le risate, che vengono prelevate dal totale che si ha disposizione durante la vita.
Photo by Shawna Erback
La città dei Sogni è poi divisa in centri minori, come il Paese Sogni d'Oro dove ci sono centri commerciali e bar, in contrapposizione a questo c'è la Periferia Dormiveglia dove le persone non sono tanto felici.
Insomma, un vero e proprio mondo architettato con una dose doppia di inventiva e un pizzico di follia, indispensabile in certi casi!
Immaginazione, fantasia e realtà si mischiano tra queste pagine in un caleidoscopio di immagini strabilianti. La visione più bella è quella del cambia stelle, un uomo che si arrampica su una scala di legno per avvitare una a una le stelle. Che dire poi dei pini che giocano a tirarsi palle di neve?
Un libro in grado di trasportare il Lettore oltre il confine della realtà, dalle pittoresche e bislacche ambientazioni e dai personaggi particolari, frutti di sogni grandiosi.
I personaggi sono delineati con semplicità e precisione.
Il mio preferito? Senza dubbio il Dottor Z che si ripresenterà a noi sotto forme diverse.
Questa rivisitazione del classico "Alice nel paese delle meraviglie" è senza dubbio spettacolare! Geniale! Follemente straordinario!
Ho amato il modo in cui questo libro ti cattura in questa realtà utopica e ti dà la sensazione che nulla sia impossibile.
E' stata una lettura magica! Peccato aver atteso tanto per farla. Come al solito, infatti, avevo acquistato il libro e lo avevo messo da parte. Managgia a me e al mio accumulo compulsivo di libri!
Consiglio questo libro ... a tutti! E' una favola illusoria che è grado di incantare grandi e piccini. Gli assegno:

- Trama: 5 - Narrazione: 3 - Personaggi: 4 - Cover: 3 - Finale: 4 -

4 Wonderland su 5

Dal libro:

- "Ci sono molti modi per arrivare fin qui, nel mondo in cui tutti vorrebbero vivere senza tempo, senza tristezza, senza morti e senza i problemi che crea la vita reale."

- "Questa vita non è perfetta, è vero, ma forse è proprio questa imperfezione che la rende bella."

- "La vita non è perfetta e sta a noi renderla magica."

11 commenti:

  1. Sarà sicuramente una delle mie prossime letture :)

    RispondiElimina
  2. Molto bella la tua recensione,grazie☺

    RispondiElimina
  3. Sembra carino, dai! E adoro le frasi che hai inserito!! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mooolto mooolto carino! Te lo consiglio sai, penso ti possa piacere :)

      Elimina
  4. Grazie per questa bellissima recensione <3
    Anche io adoro il Dottor Z <3

    RispondiElimina
  5. Appena terminato!!!! Me ne sono innamorata!!!! 😍😍😍😍

    RispondiElimina
  6. Questo mi ispira molto, inoltre le immagini che hai inserito me lo fanno invogliare ancora di più ;)
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina