Translate

venerdì 24 febbraio 2017

5 COSE CHE ... 5 luoghi in cui mi piacerebbe leggere

Per la rubrica:

Dopo aver saltato l'appuntamento del venerdì precedente, eccomi di nuovo qui a scrivere per questa rubrica.
Oggi, vi rivelerò 5 luoghi in cui mi piacerebbe tanto leggere.
Non mancante di farmi sapere dove vi piacerebbe leggere.

1. Giardino Boboli Firenze 


L'anno scorso sono andata in vacanza a Firenze e mentre girovagavo per il giardino Boboli, tra le siepi, stesa su una panchina al sole, ho visto una ragazza intenta a leggere. L'ho invidiata tantissimo! Devo assolutamente tornare lì e dedicare un pomeriggio intero alla lettura stesa sul prato dei giardini, e non solo nella vasca dell'hotel.

2. Giardini del Lussemburgo a Parigi


Di questi giardini ho amato il fatto che fossero ben provvisti di panchine e sedie.
Quando lo visitai ero di fretta, mi sarebbe tanto piaciuto potermi fermare e leggere su una di quelle panchine in fronte ai giardini. 

3. In salotto con vista Vienna


Vienna è una delle città che più amo in assoluto.
Quando la visitai ero ospite in un grazioso hotel con vista sulla parte della città dove sorge il Prater.
Nella stanza c'era un delizioso salottino dal cui divano si poteva scorgere Vienna attraverso la finestra.
Ho amato leggere lì e vorrei tanto poterci tornare.

4. In spiaggia fronte mare


In estate amo andare in spiaggia e leggere un bel libro con davanti a me il mare.
In spiaggia amo molto anche dormire, infatti, spesso, uso il libro come parasole! 

5. In crociera 


Leggere in mezzo al mare, durante la navigazione, con il cielo e le nuvole che scorrono sopra di te non ha prezzo!
Il vento che soffia piano tra i capelli, mentre si è comodamente seduti a prendere il sole, il rumore delle onde lungo i fianchi della nave e i tuffi nella piscina davanti a te.
Il paradiso.

giovedì 23 febbraio 2017

Recensione: "Celeste: La forza di una regina" - Cristina Vichi


Editore Amazon
Pagine 346
Prezzo cartaceo 13,23 EURO
Prezzo ebook 2,99 EURO
Anno prima edizione 2016
Genere Romanzo Rosa


La profezia della Vecchia, svelata in punto di
morte, sconvolge ogni equilibrio di amore e serenità.
Celeste, regina di Asserlay, si trova catapultata in un vortice di eventi che sembrano schiacciarla, condannandola a cedere alle prepotenze di chi trama contro di lei.
Ed ecco lo spirito selvaggio e indomito di una donna che continua a sperare, l’ardore di un’anima che non si può piegare, il coraggio di lottare contro ogni ingiustizia, nonostante tutto.
Il carattere di Celeste, la sua forza e la sua impulsività cambieranno il destino di chi la circonda: il suo atteggiamento anticonvenzionale non potrà non stupire.
Finché capirà che il nemico non è solo chi si schiera apertamente contro di lei: il vero nemico è il Passato.

Circa un anno dopo gli avvenimenti che ci hanno tenuto compagnia nel primo volume, re Marlock viene attirato dalle urla della Vecchia, un'aziana donna che gli ha predetto più volte il futuro e ha aiutato la sua famiglia.
Questa, in punto di morte, gli dona un nefasto presagio. Suo figlio, il re Alessandro, è minacciato da un terribile evento che lo cambierà profondamente.
Intanto, nel regno di Asserlay, Celeste regna felicemente insieme al marito Alessandro, una meritata felicità aleggia tra i nostri protagonisti che tanto duramente si sono guadagnati il loro lieto fine, questo almeno fino a quando non giungono al castello la sorella di Emma e la nipote.
Emma gestisce le mansioni e i turni del personale del castello e quando vede arrivare la sorella
Clorinda e la figlia Amelia non è per niente felice.
Clorinda infatti porta con sè un segreto e una speranza, è una persona subdola e gelosa, avara e priva di scrupoli, ciò a cui mira è il trono di Asserlay.
Celeste, però, magnanima, le accoglie lo stesso nel suo regno e dona loro un lavoro e un tetto sulla testa.
A questo, si aggiunge anche la visita di re Grimaldo, che giunge a corte per chiedere al re di vendergli dei terreni a nord di Asserlay.
Celeste e Alessandro però non vogliono, considerano Grimaldo un farabutto usurpatore, un re che ha ottenuto le sue ricchezze con l'inganno.
Da questo momento in poi, Celeste e Alessandro dovranno vedersela con due nemici diversi.
Con Clorinda che vuole che la figlia seduca il re e Grimaldo che vuole il re morto.
In questo nuovo capitolo, vedremo una Celeste agguerrita che tenta di riconquistare l'amore del marito. vedremo un Alessandro senza più memoria, più rude, comportarsi in modo folle e crudele.
Nemici e falsi amici si daranno il turno per tormentare i reali di Asserlay e coloro che gli vogliono bene.
Inganni, tradimenti, umiliazioni, saranno all'ordine del giorno, riuscirà Celeste con la sua forza e il suo amore a sistemare le cose?
Ho apprezzato questo libro molto più del precedente e anche se a livello di trama ho trovo alcune scelte piuttosto scontate e banalotte, ho letto con ugual piacere questa storia d'amore, menzogne e vendette.
Bella anche la grafica semplice ma elegante che apre ogni capitolo, la narrazione è poi sciolta e coinvolgente.
Mi è piaciuta molto la Celeste di questo secondo capitolo, molto determinata nelle sue scelte, nel suo amore per il marito, non teme l'umiliazione e il dolore, il suo unico fine è riavere l'Alessandro di cui si è innamorata.

"Ti dirò sempre quello che penso e ti difenderò anche da te stesso, se sarà necessario, perchè ti amo."

Una lettura appassionata che non manca mai di stupirci con qualche nuovo personaggio o evento.
Ho letto con grande velocità queste pagine piene di emozioni e segreti, e non posso che consigliarvelo, abbinato ovviamente al primo volume.
Incontrare di nuovo Celeste è stato per me un grande piacere, mi congratulo per l'autrice per questo nuovo piccolo bijoux letterario e le faccio tanti auguri per le prossime scritture.
Non mi resta che assegnare al libro:

- Trama: 4 - Narrazione: 3 - Personaggi: 3 - Cover: 4 - Finale: 3 -

3 Wonderland su 5

Dal libro:

- "Io tornerò sempre da te."

- "L'amore ha tanti livelli diversi: quando comprendi che il bene dell'altro viene prima del tuo, hai raggiunto uno di più alti."

- "Vivere nella menzogna è come non vivere."

Il Club dei BookBlogger: "L per Libro" di Emili

Per la rubrica:

Lettori preparatevi, perchè oggi avremo ospite qui da noi non solo una BookBlogger ma anche un'amica!
Quindi leggete bene perchè oggi vi presento un blog speciale.

Pronti?



Oggi, come vi avevo annunciato, siamo in compagnia di Emili del blog L per Libro
Oltre che a essere un'amica e una collaboratrice in casa di bisogno, Emili è anche una divoratrice di libri.
Ha 21 anni e vive in una piccola città circondata da montagne.
Oltre alla lettura, ama le passeggiate in compagnia dei suoi cani, l'arte e il cinema.
E' una lettrice onnivora ma lenta come una tartaruga, il suo motto è: "Un libro bisogna goderselo con calma."
Riesce ad entrare in una libreria ed uscirne dopo ore senza nessun acquisto (quasi sempre).


1. Ciao Emili, è bello averti di nuovo qui con noi! Questa volta in veste di blogger e non di recensore. Parlaci quindi del tuo angolino letterario. 

Il mio piccolo blog è nato a fine luglio 2016, era da un po' che pensavo di fare questo passo, perchè volevo condividere le mie opinioni sui libri che leggo con qualcuno che fosse interessato a quello che dico e mi sono resa conto di avere bisogno di uno spazio virtuale tutto mio per farlo.

2. Quale rubrica ti piace di più scrivere? Parlacene un pò.

Ammetto di non essere molto costante con le rubriche del mio blog, le uniche che “aggiorno” settimanalmente sono: “5 cose che..” che è una rubrica condivisa con altre blogger nella quale in base al tema della settimana dobbiamo inserire 5 preferenze, mi diverte molto perchè ogni volta c'è uno stimolo nuovo e perchè è un bel modo per interagire con le altre mie colleghe.
L'altra rubrica che aggiorno sempre è di mia invenzione e si chiama “Music Monday”, in pratica ogni lunedì parlo della mia attuale lettura abbinando un brano musicale che abbia a che fare con la storia o con i sentimenti che provo in quel determinata parte di lettura.
Mi piace moltissimo scrivere questa rubrica perchè è sempre una sfida trovare la canzone perfetta, poi è un modo per aggiornare i lettori su quello che leggo e infine spero di riuscire a rallegrare la giornata di qualcuno, perchè si sa che i lunedì sono spesso difficili da superare.


3. Quanti libri compaio sulla tua TBR list? Il primo tra questi che leggerai?

Non ho una vera e propria lista quindi mi risulta un po' difficile rispondere, sopratutto se devo includere anche gli ebook: un numero compreso tra 30 e 50 libri penso che sia abbastanza veritiero.
Il primo libro che leggerò sarà: “Miss Peregrine: la casa dei ragazzi speciali”, è un regalo del mio ragazzo e volevo da tanto leggerlo, quindi penso che avrà la precedenza, ma non so esattamente quando potrò dedicarmici perché continuo a prendere libri in biblioteca ai quali poi devo dare la priorità.

4. Qual è la parte più difficile dell'avere un blog?

All'inizio la parte più difficile è stata, banalmente, creare il blog ovvero: decidere la grafica, come impostare i post e come organizzare il tutto.
Per una novellina come me è stato un lavoro lento fatto da tentativi e ricerche.
Ora il blog esiste da diversi mesi e la parte più difficile è aggiornarlo con costanza; sono una lettrice abbastanza lenta e quindi tra una recensione e l'altra può passare diverso tempo e devo ingegnarmi per mantenere comunque vivo il blog.

5. Qual è il tuo scrittore preferito e perchè?

Domanda molto difficile, ho una miriade di scrittori preferiti, tra i quali non riesco a sceglierne uno che sia al di sopra degli altri.
Quindi ve ne nomino uno che è da poco entrato nella mia “hit parade” di scrittori amati ovvero: Markus Zusak.
Ho letto “Storia di una ladra di libri” un paio d'anni fa e l'ho adorato, ma si sa che non si può giudicare un autore solo con un libro (anche se spesso lo faccio comunque), poi recentemente ho letto anche il suo secondo romanzo “Io sono il messaggero” ed ho avuto la conferma di quanto sia da ammirare questo autore: ha uno stile particolare e moltissima originalità.


Ora andiamo tutti sul blog di Emili!
Prima tappa: la recensione che più si divertita a scrivere.
Che altri non è che "Misery" "perchè è stato la mia primissima lettura di King e del genere Horror e ne sono rimasta folgorata e penso di aver riversato tutto il mio entusiasmo anche nella recensione."
Una delle rubriche più seguite di Emili è senza dubbio "5 cose che" quindi non perdetevi l'aggiornamento settimanale!
Soprattutto, non mancate di dare un'occhiata a "5 libri in cui vorrei essere la protagonista" articolo che ha suscitato molto interesse.

Emili:
" Grazie a tutti voi lettori che siete arrivati a fine intervista dedicandomi un po' del vostro tempo e grazie a te Claudia per l'ospitalità e la gentilezza."

Ora non mi resta che salutarvi, abbracciarvi virtualmente e aspettarvi qui giovedì prossimo.

mercoledì 22 febbraio 2017

Novità in libreria - Marzo -


Marzo significa tre cose: primavera, il mio compleanno e nuove uscite letterarie!
La primavera comporta un restyling del mio giardino, il mio compleanno porta con sè 24 anni (santa peppetta!) e un restyling completo di viso e corpo per togliere i segni visibili dell'anno in più e nuove uscite letterarie vuol dire meno soldi nel portafoglio! 
Ma visto che è il mio compleanno posso farmeli regalare tutti! Un anno in più serve a qualcosa allora!
Un Buon Non-Compleanno a Voi
Un Buon Compleanno a me
e Tanti Libri per Tutti!


Ed ora, ecco i libri che troverete in libreria a Marzo.

Novità in casa:

"L’ottico di Lampedusa"
di Emma-Jane Kirby

Editore Salani 
Genere Attualità
Pagine 196
Prezzo 14,90 €

“Non sono un eroe. Ho fallito. Noi, l’Italia, l’Europa.”
Carmine di mestiere fa l’ottico, ha cinquant’anni, e ha scelto di vivere nella meravigliosa isola di Lampedusa, incastonata nel Mediterraneo, per la sua pace, per il mare bellissimo, blu cobalto, in cui nuotano i delfini. Carmine potrebbe essere ognuno di noi: ha la sua vita, si preoccupa del futuro dei figli ormai grandi, si tiene in forma facendo jogging, ha un’attività ormai avviata, degli amici, insomma una vita tranquilla e solida nella calma di questa terra tra la Sicilia e l’Africa. 
Sì, certo, anche qui qualcosa è cambiato, i turisti, i resti dei barconi abbandonati, i sacchetti di plastica che svolazzano, quei gruppetti di africani che vede per le strade dell’isola, autobus che ormai quasi ogni giorno escono dal porto stipati di migranti appena sbarcati, e poi tv e giornali traboccano di notizie di naufragi. Meglio non pensarci. Ma quel 3 ottobre del 2013 Carmine esce in barca con i suoi amici, a pescare e godersi il mare d’autunno, e all’improvviso si ritrova calato in quella realtà sino ad allora così lontana. In otto, con un solo salvagente recuperano quarantasette naufraghi, e la loro vita e quella dei salvati non sarà mai più la stessa. Tutti gli altri sono morti. Questo romanzo non è solo il racconto intenso e indimenticabile del risveglio di una coscienza, ma anche una testimonianza toccante che riesce a evitare la retorica e l’invettiva riportando il problema dei migranti, senza banalizzarlo, alle sue dimensioni umanitarie, e che chiarisce la situazione di una crisi tuttora in corso, culminata in una delle più imponenti migrazioni di massa della storia dell’umanità.