Translate

martedì 12 settembre 2017

Recensione: "La lettera segreta" - Chloé Duval


Editore Garzanti
Pagine 199
Prezzo cartaceo 16,90 EURO
Prezzo ebook 9,99 EURO
Anno prima edizione 2015
Genere Romanzo Rosa

Può la lettera di uno sconosciuto cambiarti la
vita? È quello che si chiede Flavie quando si vede recapitare una busta misteriosa datata 1971. Una busta arrivata con quarantatré anni di ritardo. Non ha idea di chi possa essere Lili, la destinataria. Eppure la curiosità è così forte che Flavie decide di aprirla. Il contenuto, scritto a mano in una calligrafia elegante, la sorprende: perché quelle righe le ricordano i romanzi che ama scrivere. Quelle righe nascondono una storia d’amore in cui un uomo supplica Lili di raggiungerlo e di sposarlo. Un uomo che si firma solo con E. Flavie non ha altri indizi. Non altre informazioni se non una richiesta fatta con il cuore che forse non è mai stata ascoltata. Forse quelle parole, perse nel vento, hanno modificato il destino di due persone per sempre. Flavie deve trovarle. Deve sapere se sono state divise tutti questi anni da una lettera mai arrivata. Perché ha bisogno di credere anche lei che possa esistere qualcosa più forte di tutto. Più forte del tempo, degli sbagli, delle scelte, degli imprevisti. Qualcosa che Flavie ha trovato solo nei romanzi, mai nella realtà.
La ricerca la porta nel Sud della Francia, dove scopre che forse non tutto è perduto. Che forse è ancora possibile riannodare i fili spezzato del passato. Perché ci sono amori che non si possono dimenticare. Ci sono emozioni che cambiano ogni cosa. E Flavie, trascinata da quello che la lettera le ha rivelato, è pronta finalmente a viverle.

La storia contenuta in questo libro viaggia attraverso epoche diverse.
Il passato e il presente sono uniti da una lettera, lettera che è arrivata a destinazione in ritardo e che è stata l'artefice del destino di ben due coppie.
Flavie è una professoressa di storia e geografia che nel tempo libero ama scrivere romanzi rosa per se stessa e le sue amiche del club della maglia.
Durante un martedì come tanti, riceve per posta una lettera ingiallita datata 1971 destinata a una certa Amélie Lacombe.

"Con un nodo in gola mi resi conto che lei non aveva mai ricevuto il messaggio."

La lettera era in ritardo di bene quarantatré anni e quando Flavie, vinta dalla curiosità, la apre e la legge, si rende conto che quel pezzo di carta intriso di inchiostro avrebbe probabilmente cambiato la vita di Amélie, perchè al suo interno c'è una proposta di matrimonio, da parte di un misterioso E.
Cosa fare ora? Buttare semplicemente via la lettera o riparare a quell'errore del destino?


Flavie non ha dubbi, si mette subito sulle tracce di Amélie, e già che c'è, perchè non scrivere un romanzo su quella fantastica avventura?

"Scrivere quel romanzo. Correggere gli errori del passato con la finzione."

Due storie che corrono parallele ma lontane nel tempo, un amore perduto ma mai dimentico e un altro in procinto di sbocciare.
Una lettura carica di romanticismo, in cui si ripercorrono le tracce di un antico amore mai dimenticato.

"Nonostante la lontananza e lo scorrere del tempo, l'amava follemente e appassionatamente."

Con una narrazione soave e semplice, ci viene raccontata una trama dolce, affascinante, piena di speranza e voglia di combattere per il vero amore.
Trama che coinvolge personaggi non particolarissimi, ma senza dubbio ben delineati e in grado di fare breccia nel nostro cuore.


L'idea di una lettera dal passato che chiama in gioco un cupido per riunire ciò che il fato ha diviso non è originalissima, in quanto mi è già capitato di leggere qualcosa di simile, ma nonostante ciò non posso dire che non mi sia piaciuto il libro, anzi, lo consiglio senza remore ai lettori più romantici.
Assegno al libro:

- Trama: 4 - Narrazione: 4 - Personaggi: 3 - Cover: 4 - Finale: 3 -

4 Woderland su 5

Dal libro:

- "Perchè a noi le storie d'amore piacciono, e al diavolo chi ci giudica."

- "Non ero per nulla consapevole che la mia vita fosse sul punto di cambiare radicalmente."

- "Non voglio, non posso vivere senza di te."

8 commenti:

  1. Lo sto leggendo! L'incipit mi piace ❤️

    RispondiElimina
  2. Ho trovato molto bello questo romanzo, e con molte sfumature simili a "Un nastro color lavanda". Ma quando si tratta di essere romantici, sono in prima fila. Bella recensione =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Il libro che hai citato non l'ho letto però ho presente.
      A me, invece, ha fatto venire in mente l'ultima lettera d'amore :)

      Elimina
  3. Ultimamente sono in vena di romanticismo ma mi capita di leggere thriller. Questo sarà la giusta alternativa per soddisfare la voglia di romanticherie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh giusto, un libro un po' a metà, un mix di romanticismo e di mistero :)

      Elimina
  4. Appena finito! Carina la storia ma troppo romantica per i miei gusti...grande potenziale ma a mio avviso si poteva fare di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì dal punto di vista di fare di più concordo, una narrazione più profonda e più ampia ci stava

      Elimina